Galería de las artes, abierta a todas las disciplinas y tendencias

 

 

 

PÁGINA DE CARLO VOLPICELLA

12 DIARI 31-01-2001

1172 ore 17,31

12 diari dal 1976

sfogliati e risfogliati

vissuti e rivissuti

affermano una forza

ma anche una debolezza,

respirano insieme

ma in una oscurità

che li accomunano

ai pesci tropicali

che ciechi dalla nascita

non conoscono i colori

e le voci di chi li circonda.

Mordo e gioco

come bimbi in fasce

ma non chiudo il mio cuore

per venderlo

in un centro commerciale.


AGHI D'ACQUA 2-2-2001

1175 ore 10,23

Sottili

aghi d'acqua

infilzati

sui terrazzi

e sui pioppi

dei pittori

ceramisti,

sottili

aghi d'acqua

sulle ferite

dei cani

abbandonati,

sottili

aghi d'acqua

nei momenti

in cui il verde

mi ricorda il sole,

sottili

aghi d'acqua

sfuocati

sulla foto

di Salgado,

sottili

aghi acqua

sui libri di storia

di studenti

svogliati,

sottili

aghi d'acqua

tra mio padre

e il suo cuore stanco.



OSSA VIBRANTI 15-12-2000 ore 19,03

Unicità universale

spudoratamente senza idee

oppure senza verità,

il confine ultimo

tra fisarmonica

e l'allegria

la ritrovo nell'urlo

degli U2 quando

per sbaglio li ascoltai

al funerale di mio zio...

Ordinati e reali

i bimbi dei signori

di città nulla riconoscono

al di là del tecnologico

star composti in chiesa.

Napoli è li che attende

e che ascolta

ma Chernobyl ha chiuso

i denti ed io non ricordo.

Lungo il letto della sofferenza

il sole stenta a parlare

e il sudore si fa aspro,

le ossa ricominciano a vibrare

le articolazioni e il cervello anche,

fra alcuni giorni

il fuoco tornerà fra noi

e il calore scioglierà

ogni frammento di dolore....



 

5 BARBONI 17-01-2001

ore 9,34

Cielo distante

scuro in volto

poggiato sull'albero,

la corteccia ormai umida

emana un profumo

che lo avvicina alla pioggia.

Sui rami più grandi

abbiamo raccolto

5 barboni

che amano il sogno,

più passano i giorni

più somigliano a frutti.

Il loro vissuto

il loro parlare

il coro di uccelli

un coro nel vento

tra occhi nei saldi

e cuori nei soldi....

.....Sarà troppo tardi!

 



BIOGRAFIA:

 

Carlo Volpicella, nace en la ciudad llamada Pescara el 20 de marzo 1962.

Desde elano 1976 me divierto a escribir textos(poesias y literatura) que se

Pueden reconducir a ese hilo que he llamado poesia tradicional-depressiva.

Desde esta base se inicia un camino de tejidos de todas los dias hecho de poesias,

pinturas ha sta las tecnicas extremas y experimentales.

E nel 1981 es graduado en maestro de arte,empieza asì un periodo de estudios y averiguaciones como autodidacto de autores a el muy estimados como:dalì,ernest

Mirò,picasso,magritte,masson,breton,baudelaire,apollinaire,rimbaud,voltaire y pormedio de ellos se madura un arte comprendida por hilos visibles e invisibles,

haciendo nacer un estilo de vida muy personal y original.

Sus poesias no quieren sostituirse a la realidad sino quiere simplemente perfumarlas.

carlo.volpicella@tiscali.it